Editoriale

Flyer 560 SPORTAGE

Compatto nelle dimensioni, ma con grande abitabilità fruibile a bordo, è un battello con raffinate connotazioni stilistiche, adatto ad essere governato con prestazioni interessanti anche senza patente, con un fuoribordo da 40 Hp.

Flyer 560 Sportage in navigazione.
Fig. 1 - Flyer 560 Sportage in navigazione.

L’entry level della nuova linea di gommoni del cantiere Flyer è pronto a prendere il largo. Con dimensioni compatte, il 560 Sportage ha una lunghezza contenuta in 568 centimetri e una larghezza di 253 centimetri,  ma offre una straordinaria abitabilità. E’ un battello che coniuga lusso e tecnologia, con raffinate connotazioni stilistiche ed allestimenti completi, tipici di imbarcazioni più grandi.

Particolare della prora semicircolare, con il prendisole prodiero largo anche nel vertice.
Fig. 2 - Particolare della prora semicircolare, con il prendisole prodiero largo anche nel vertice.

Il designer Christian Grande ha modellato la coperta con una prora semicircolare, in modo da offrire un prendisole largo anche nel vertice. Nonostante ciò, l’opera viva resta molto stretta e affilata, per navigare sempre confortevolmente. Sotto al prendisole prodiero, è ricavato un grande gavone, caratterizzato dal fatto che è isolato dal fondo della carena ed ha le pareti lucidate e rifinite a specchio. I ganci che bloccano il portello s’infilano in fessure d’acciaio che pongono l’accento sulla qualità della costruzione in ogni suo aspetto.

Il gavone prodiero è isolato dal fondo e lucidato a specchio; i ganci che bloccano il portello s’infilano in fessure d’acciaio.
Fig. 3 - Il gavone prodiero è isolato dal fondo e lucidato a specchio; i ganci che bloccano il portello s’infilano in fessure d’acciaio.

La console di governo integra elegantemente la plancia di comando, dotata di strumentazione completa per la navigazione, e si caratterizza per la particolare finitura del rivestimento con una superficie dall’effetto vellutato.

Fig. 4 - Particolare della plancia di comando.
Fig. 4 - Particolare della plancia di comando.

La consolle integra armoniosamente un parabrezza ben profilato, è guarnito con un bordo d’acciaio che, oltre ad impreziosire esteticamente la sovrastruttura, assolve alla funzione di tientibene, particolarmente importante in quest’area del battello. La postazione di comando è stata studiata ergonomicamente con il divano del pilota e copilota con imbottiture che consentono di pilotare confortevolmente sia da seduti, che appoggiati in posizione eretta. I tientibene in acciaio installati lungo la  sommità di entrambi i tubolari, aumentano la sicurezza sia di chi governa il battello , che dei passeggeri. A poppa è posizionato un divano frontemarcia a tutto baglio.

Reclinando lo schienale del divano della postazione di comando e di quello collocato a poppa, si ottiene il prendisole poppiero.
Fig. 5 - Reclinando lo schienale del divano della postazione di comando e di quello collocato a poppa, si ottiene il prendisole poppiero.

Reclinando lo schienale del divano della postazione di comando e di quello collocato a poppa, si ottiene un prendisole poppiero lungo oltre due metri. Inoltre, sotto alla seduta di pilotaggio è ricavato l’alloggiamento per il frigo, mentre nel gavone di coronamento è riposto il tendalino parasole.

“codolini” in vetroresina ricavati su entrambi i coni di poppa, che oltre a caratterizzare con originalità i tratti stilistici del battello, integrano due bitte in acciaio per l’ormeggio.
Fig. 6 - “Codolini” in vetroresina ricavati su entrambi i coni di poppa, che oltre a caratterizzare con originalità i tratti stilistici del battello, integrano due bitte in acciaio per l’ormeggio.

Sempre a poppa, non passano inosservati i due “codolini” in vetroresina ricavati su entrambi i coni, che oltre a caratterizzare con originalità i tratti stilistici del battello, integrano due bitte in acciaio per l’ormeggio. Il 560 Sportage si distingue per le tappezzerie e le finiture particolarmente curate, come il doppio bottazzo che corre lungo i tubolari che, oltre all’effetto estetico cromatico, funzionalmente ha un profilo speciale che permette di tenersi al gommone quando ci si trova in acqua. Il battello è dotato di una pratica scaletta bagno, sistemata a scomparsa in una delle due plancette di poppa. Il 560 Sportage viene realizzato con moderne tecnologie, ed è stato modellato da frese robotizzate che hanno fedelmente riprodotto le matematiche di progetto, ottenendo una perfetta simmetria della carena e della coperta. Per pilotarlo senza patente, è possibile equipaggiarlo con un fuoribordo da 40 cavalli, con cui raggiunge i 23 nodi. Con una motorizzazione da 90 cavalli, il Flyer 560 Sportage tocca i 35 nodi, con consumi sempre contenuti: circa 1 litro di carburante per navigare 1,5 miglia all’andatura di 20 nodi,  consentendo un’autonomia di 225 miglia (dati gentilmente forniti dal costruttore). M.B.  

linee d’acqua della carena in vetroresina, con la prua stretta e affilata.
Fig. 7 - Linee d’acqua della carena in vetroresina, con la prua stretta e affilat
a.

Caratteristiche tecniche

Lunghezza ft.: 568 cm
Larghezza: 253 cm
Diametro tubolari: 55 cm
Compartimenti d’aria: n. 5
Tessuto tubolari: Hypalon-neoprene Orca da 1670 dtex
Persone trasportabili: n. 9
Serbatoio carburante: 150 Litri
Serbatoio acqua: 54 Litri
Potenza max motore: 120 Hp
Motore fuoribordo: gambo L
Peso senza motore: ca. 540 Kg
Categoria di omologazione CE: B

Cantiere

FLYER s.r.l.
Via Lombardi 3 - 20070 Dresano (MI)
tel. 02 98278902
www.flyerpowered.euinfo(at)flyerpowered.eu